Istituto Statale Comprensivo

Suggerimenti | Consigli | Recensioni

Università Dove È Più Facile Entrare A Medicina?

Università Dove È Più Facile Entrare A Medicina
La sede dove è stato più semplice entrare è quella di Catanzaro : il punteggio minimo riportato al test di medicina è infatti 43,3 punti. Segue la Facoltà di Medicina di Sassari, con un punteggio di 43,4 e, a pari merito, le Facoltà di Messina e Campobasso, con un punteggio minimo di 43,5.

Dove non c’è il test d’ingresso a medicina?

Bulgaria e Repubblica Ceca – Se intendete studiare Medicina, allora la Bulgaria e la Repubblica Ceca sono fra le mete preferite dagli studenti europei negli ultimi anni (italiani compresi). Soprattutto, la Medical University Sofia, l’ Università di Debrecen e la Charles University di Praga.

Dove è meglio studiare medicina?

Miglior università medicina – Le migliori università di medicina in Italia sono Pavia, Milano-Bicocca e Bologna. Le prime 3 posizioni della classifica Censis per medicina 2022 sono identiche a quelle 2021. Più esattamente: Pavia cresce di molti punti e passa da 98,5 a 108 punti; Milano-Bicocca cresce di soli 2 punti e raggiunge quota 100 da 98; anche Bologna migliora in modo significativo, passando da 91 a 99,5 punti.

Quindi, qual è la migliore facoltà di medicina in Italia ? Tra gli atenei statali, anche quest’anno la migliore facoltà di medicina è Pavia, che scalza Milano-Bicocca medicina per il 2° anno consecutivo. Invece, qual è la peggiore facoltà di medicina in Italia ? Premettendo che non è possibile dirlo perché questo punteggio non misura soltanto la qualità dell’insegnamento, l’ultima posizione della classifica Censis per medicina è occupata dalla facoltà di Chieti e Pescara, come nel 2021 ma con 1,5 punti in più, 69 invece che 67,5.

La precedono Palermo, in penultima posizione con 70,5 punti, e Salerno, a pari punti con Catanzaro e Bari, tutte a 71,5. Inoltre, notiamo che dalla classifica Censis 2022/2023 viene fuori che le migliori università di medicina si trovano al Centro Nord.

Ad eccezione di Foggia, che quest’anno entra nella Top Ten in 7^ posizione. Mentre la facoltà di medicina di Sassari scende dalla 10^ alla 14/15^ posizione con lo stesso punteggio de La Sapienza, anche se i suoi punti sono cresciuti da 83,5 a 85. Ricordiamo che la classifica delle migliori università italiane stilata dal Censis, Centro Studi Investimenti Sociali, è considerata molto attendibile nell’ambiente universitario.

Tuttavia, nella scelta della facoltà di medicina in cui studiare ci sono altri aspetti da prendere in considerazione. Continua a leggere per sapere quali. Ecco la classifica delle migliori università di medicina completa e aggiornata al 2022 *:

  1. Pavia – 108
  2. Milano Bicocca – 100
  3. Bologna – 99,5
  4. Padova – 96,5
  5. Milano – 96
  6. Perugia – 92
  7. Foggia – 90
  8. Genova – 89,5
  9. Modena e Reggio Emilia – 87,5
  10. Piemonte Orientale – 87,5
  11. Verona – 87
  12. Roma Tor Vergata – 85,5
  13. Trieste – 85,5
  14. Roma La Sapienza – 85
  15. Sassari – 85
  16. Cagliari – 84
  17. Ferrara – 84
  18. Parma – 84
  19. Insubria – 83,5
  20. Marche – 83
  21. Torino – 83
  22. Firenze – 82,5
  23. Messina – 81,5
  24. Udine – 81,5
  25. Pisa – 81
  26. Brescia – 80,5
  27. Siena – 76,5
  28. Catania – 75,5
  29. Molise – 75,5
  30. Napoli Federico II – 74,5
  31. Campania, Vanvitelli – 73,5
  32. L’Aquila – 72,5
  33. Bari – 71,5
  34. Catanzaro – 71,5
  35. Salerno – 71,5
  36. Palermo – 70,5
  37. Chieti e Pescara – 69

Quale è il punteggio minimo per entrare a medicina 2022?

Dopo la pubblicazione della graduatoria nominativa del test medicina 2022, si è scoperto che il punteggio minimo per entrare è stato pari a 33,4. Il punteggio minimo si è comunque aggiornato dopo il primo scorrimento di graduatoria del 7 ottobre, e si attesta a 33, posizione 13,950 a Medicina Messina MedBioTec.

Quante possibilità ci sono di entrare a medicina?

Secondo fonti ministeriali il test di medicina 2022 ha visto una percentuale di idonei del 50,7% e nel dettaglio: Partecipanti: 56.836.

Dove costa meno studiare medicina?

Bulgaria e Romania – Se intendete studiare Medicina, Odontoiatria e Farmacia allora la Bulgaria e la Romania sono fra le mete più gettonate dagli studenti italiani. Il motivo di tale popolarità dipende soprattutto dalla presenza di costi più bassi rispetto ad altri Stati europei.

Le rette accademiche vanno da 6.000 a 8.000 euro annui a seconda dell’università e facoltà prescelta. Esistono molte università in Bulgaria e Romania con corsi di laurea in Medicina, Odontoiatria e Farmacia interamente in lingua inglese, L’accesso a queste università prevede solitamente il superamento di un test d’ingresso non troppo difficile in lingua inglese sulle materie di Chimica e Biologia,

Inoltre le università bulgare e rumene danno molta importanza al curriculum accademico dello studente che dovrà presentare il diploma di Maturità e i voti delle materie scientifiche ottenuti alle scuole superiori. Tra le università più famose bulgare si annoverano la Medical University Sofia, la Plovdiv Medical University e la Pleven Medical University, Medicor Tutor, in qualità di Partner ufficiale in Italia di tutte le università bulgare organizza ogni anno a Milano, Roma, Bari e Online il test d’ingresso. Per maggiori informazioni sullo studio di Medicina e Odontoiatria in Bulgaria clicca qui,

Dove medicina dura di meno?

L’India ha uno dei corsi più brevi per diventare medico – Università Dove È Più Facile Entrare A Medicina Tra i paesi con un corso minore di tempo per diventare medico emerge l’ India, un’economia in via d’espansione e solidissima. La durata del corso è di 4 anni e mezzo, attraverso questo corso e il superamento di tutti gli esami gli studenti potranno accedere ad un Bachelor of Medicine,

  • Il tirocinio ha una durata di un anno.
  • Nonostante molto più corti di altri paesi, i corsi di medicina indiani sono competitivi a livello internazionale e riconosciuti in tutto il mondo.
  • In altri paesi dell’Africa, asiatici e del sud America offrono una durata che varia dai cinque ai sei anni.
  • La durata del tirocinio è variabile, comunque non scende sotto l’anno e sono obbligatori alcuni requisiti di residenza che non permettono di essere molto flessibili con gli studenti stranieri,

Altri paesi dell’Africa invece offrono un accesso molto più libero al sistema universitario, in particolare a quello medico, cercando di attrarre un bacino di studenti esteri sempre maggiori. Infatti, spesso non richiedono un tirocinio impegnativo dopo il completamento del corso universitario (che dura, in genere 5 anni).

Quanto è difficile la Facoltà di Medicina?

Medicina è difficile. Non solo anatomia al primo anno. Si sente dire spesso al primo anno: ” L’esame di Anatomia è lo scoglio più grosso di Medicina “. Lascia che te lo dica, di certo Anatomia è difficile! Ma se pensi che sia l’unico esame tosto allora non sai quello che ti aspetta.

(Aspetta, non disperare: se questo è il tuo sogno di una vita, leggi questo post fino in fondo perché scoprirai come craccare il codice che ti permetterà di memorizzare velocemente e senza troppo sforzo qualunque mega-manuale di medicina). Tornando alle dicerie su medicina, al primo anno (sempre naturalmente che tu riesca ad arrivarci e superare il micidiale test d’ingresso a medicina) molti cercano di convincersi che dopo anatomia sarà tutto in discesa, salvo poi venire selvaggiamente picchiato dalla realtà dei fatti.

Medicina è difficile perché è la facoltà che richiede più ore di studio ed è anche l’unica a durare 6 anni (se riesci a rimanere in corso). Il quantitativo di roba da studiare fa impressione. Gli esami da 4 CFU normalmente ne varrebbero 8, quelli da 8 richiedono uno studio da 16 e gli esami da 16 che no, non lo vuoi veramente sapere! Insomma per una laurea che dovrebbe richiedere 6 anni di studio, il materiale da imparare è così tanto che sarebbe giusto avere 10 anni almeno.

Quanto costa una laurea in medicina?

Quanto ci costa l’imbuto formativo a medicina? – di Luca Gerotto 23 luglio 2019 Anche quest’anno, nonostante una prevista carenza di specialisti nel Servizio Sanitario Nazionale destinata ad acuirsi nei prossimi 4-5 anni, circa settemila giovani laureati in medicina resteranno esclusi dal percorso di formazione post-lauream che li dovrebbe portare ad essere dei medici generalisti o specialisti.

Tenere tutti questi medici in una sorta di “limbo” significa congelare circa 300 milioni di euro di fondi pubblici investiti negli anni nella loro formazione; una cifra destinata a crescere negli anni a venire, con punte superiori a 600 milioni. Sarebbe opportuno, da qui ai prossimi anni, indirizzare le risorse pubbliche eventualmente disponibili verso un maggior numero di borse per la formazione post-lauream, piuttosto che verso l’allargamento dei posti a Medicina e Chirurgia.

* * * Il nostro Paese ha attualmente circa 240mila medici, il che garantisce una proporzione fra medici e popolazione in linea con la media OCSE, anzi leggermente superiore (4 medici per mille abitanti). Tuttavia, il personale medico è molto più vecchio della media: in base ai dati del 2016, oltre il 50 per cento dei medici in servizio ha più di 55 anni di età, una percentuale doppia rispetto a quella rilevata nel 2005.

Questo significa che nei prossimi anni ci saranno molte uscite, in particolare dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN): secondo le previsioni di Anaao-assomed, circa il 50 per cento dei medici ospedalieri potrebbe andare in pensione prima del 2025. La situazione si è aggravata a seguito dell’approvazione della cosiddetta Quota 100.

I pensionamenti non sono l’unico fattore da prendere in considerazione per programmare il futuro fabbisogno di medici. Va, ad esempio, presa in considerazione la composizione del personale sanitario: da questo punto di vista, appare ad esempio opportuno assumere qualche infermiere in più per alzare il numero di infermieri per medico, attualmente uno dei più bassi fra i paesi OCSE.

In seconda battuta, le future necessità dei pazienti potrebbero spingere verso diversi modelli organizzativi che prevedano uno spostamento del carico dalle strutture ospedaliere al territorio, con “unità complesse di cure primarie” in cui il paziente possa trovare medici di medicina generale, specialisti, infermieri e operatori socio-assistenziali; in quest’ottica, come evidenziato da Gilberto Turati in un articolo su lavoce.info, potremmo avere bisogno di meno medici specialisti negli ospedali e di una “nuova figura che sappia seguire i cronici e indirizzare i pazienti, lavorando in equipe” che agisca sul territorio.

In questo senso, non conta quindi solo il numero di borse per la formazione post-lauream – che, come vedremo, sarebbe utile aumentare – ma anche come queste borse sono distribuite fra le varie specialità. Questa distribuzione deve essere appunto coerente con il modello organizzativo che si vuole attuare, che deve essere a sua volta basato sull’evoluzione delle necessità dei pazienti.

  • Ed è un problema da affrontare con anni di anticipo, proprio perché diversi sono gli anni necessari a formare un medico.
  • Altrimenti si rischia non solo di formarne troppo pochi, ma di non indirizzarli verso le figure di cui avremo maggiore necessità, “sprecando” anni di formazione.
  • È in questo quadro che un’attenta programmazione degli accessi al corso di laurea in Medicina e Chirurgia, con un’ottica a 10-12 anni, e degli accessi alle scuole di specializzazione o di formazione in medicina generale, con un orizzonte a 3-5 anni, assume rilevanza.

Diverse migliaia di laureati in Medicina e Chirurgia hanno recentemente svolto l’annuale concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione – un passaggio obbligato, perché un medico abilitato, ma privo di specializzazione (o formazione in medicina generale), può svolgere solo pochissime mansioni, come le guardie mediche e l’assistenza medica alle manifestazioni sportive.

E, come ogni anno, si è riaccesa la polemica legata al fatto che, nonostante vi sia appunto una prevedibile carenza di personale medico nel futuro a breve, il numero di borse di formazione post-lauream da distribuire è nettamente inferiore al numero di medici che aspirano a specializzarsi, e spesso è stato inferiore anche al numero di laureati in Medicina e Chirurgia dello stesso anno.

See also:  Università Di Criminologia In Italia Dove Sono?

Una differenza non marcatissima in verità, di alcuni punti percentuali, ma occorre tenere conto che chi non riesce ad ottenere una borsa ha due sole possibilità: optare per l’estero o ritentare l’anno successivo. Col risultato che il numero di medici che ambisce ad una borsa si cumula e cresce anno dopo anno.

La fotografia del momento attuale è che, secondo quanto riportato dagli organi di stampa, ad inizio mese al concorso si sono presentati quasi 18mila candidati, a fronte di 8.905 borse di specializzazione. A queste andranno a breve aggiunte, presumibilmente, circa 1.400 borse di studio per la formazione in medicina generale, che porterebbero il totale a circa 10.300 posti per la formazione post-lauream – un numero di borse superiore a quelle messe a disposizione negli ultimi anni e che dovrebbe superare il numero di laureati nell’ultimo anno, ma che appaiono tuttora inferiori al fabbisogno di medici del prossimo futuro.

Quindi, nei prossimi 12 mesi, avremo più di 7mila medici – poco meno di quanti se ne formano in un anno! – che, dopo sei anni di studio sui libri e di relative spese sostenute dal pubblico e dalle proprie famiglie, anziché avviarsi verso la conclusione del proprio percorso formativo per poi iniziare a rappresentare un valore aggiunto per la società, dovranno limitarsi ad effettuare guardie mediche e poco altro.

Oltretutto, per l’anno in corso sono state individuate risorse aggiuntive rispetto a quanto previsto in Legge di Bilancio, che hanno consentito di stanziare ulteriori 900 borse ministeriali; pertanto, a meno che le risorse aggiuntive individuate per quest’anno non vengano confermate anche per gli anni futuri, è presumibile che a partire dal 2019/20 il numero complessivo di borse sia inferiore, circa 9.400.

Al di là degli ovvi disagi (anche economici) di questi giovani, va tenuto conto che l’istruzione universitaria è per buona parte sostenuta da fondi pubblici. Quindi avere un elevato numero di “camici grigi”, come spesso sono chiamati i medici nel limbo fra la laurea e la specializzazione, è assimilabile ad una situazione in cui lo Stato investe in un’opera pubblica che poi non viene completata ed è quindi inutilizzabile.

Qui il principio è lo stesso, anche se ad essere lasciato avvizzire non è capitale fisico, ma capitale umano. Ma quanti milioni di euro di investimento pubblico nel capitale umano di questi “camici grigi” restano “congelati”? OCSE, UNESCO-UIS ed Eurostat stimano che negli ultimi anni gli enti pubblici del nostro Paese abbiano sostenuto costi direttamente legati all’istruzione universitaria pari a circa 6900 euro all’anno per ogni studente.

Dato che il percorso di medicina dura (almeno) sei anni, la cifra ammonta a 41mila euro per il solo percorso universitario. Partiamo, dunque, da questi 41mila euro per medico. Aggiornando le stime prodotte dall’ANAAO-ASSOMED, l’Associazione Medici e Dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale, con il numero di borse di specializzazione per l’anno in corso appena ufficializzato (8.905) ed un numero presumibile di contratti per la formazione in Medicina Generale (1.395), si può stimare che oltre settemila medici, al termine del concorso, resteranno privi di borsa.

  • Moltiplicando le due cifre fra loro, otteniamo oltre 300 milioni di investimento pubblico non messo a frutto.
  • Se consideriamo anche le spese sostenute direttamente da questi giovani e dalle loro famiglie, inclusi i potenziali guadagni lavorativi cui hanno rinunciato per dedicarsi allo studio, la cifra (fonte OCSE) grossomodo raddoppia, sfiorando i 600 milioni.

L’ANAAO-ASSOMED si spinge addirittura oltre, includendo anche il percorso scolastico, oltre che quello universitario, ed arrivando a stimare in 150-200mila euro il costo della formazione di un medico, “il costo di una Ferrari”. Le prospettive per gli anni futuri È un problema destinato a rientrare nel tempo? Salvo un deciso di cambio di direzione, non sembra proprio.

Rielaborando i dati riportati nel già citato studio di ANAAO-ASSOMED, la situazione è destinata a peggiorare nel prossimo futuro: in particolare nel 2020/21, anche a causa di un numero particolarmente alto di laureati attesi, il numero di “camici grigi” è destinato quasi a raddoppiare, per poi ridursi gradualmente negli anni a venire e subire un nuovo aumento nel 2025/26, quando tenteranno di accedere alla formazione post-lauream le future matricole 2019/20 di Medicina e Chirurgia.

Nella Tavola 1 riportiamo le proiezioni per il costo del capitale umano finanziato dalla collettività, che avevamo stimato appunto essere pari a 41mila euro per laureato, che è “congelato” a causa dell'”imbuto formativo” in cui entrano migliaia di questi giovani medici: nel 2025/26 rischiano di essere ancora oltre 12mila, corrispondenti a quasi 520 milioni di investimento pubblico nelle loro competenze.

Tav.1: Stime dei “camici grigi” e dell’investimento pubblico nella loro istruzione
Anno Numero borse (ipotesi) Medici senza borsa “camici grigi” Costo capitale umano (mln €)
2018/19 10300 7304 301
2019/20 9400 8641 356
2020/21 9400 15390 634
2021/22 9400 14548 599
2022/23 9400 13431 553
2023/24 9400 12203 502
2024/25 9400 11585 477
2025/26 9400 12573 518
Fonte: elaborazioni Osservatorio CPI su dati UOE, MIUR ed ANAAO-ASSOMED. La stima dei laureati è eseguita da ANAAO-ASSOMED “tenendo conto di un tasso stimato di laurea dell’89,8 per cento (ultimo dato disponibile) degli studenti di Medicina entrati tramite concorso 7 anni prima”. Per le borse per Medicina Generale, si ipotizzano 1395 l’anno. http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato2541994.pdf

Come porvi rimedio? Il problema non può essere risolto dall’oggi all’indomani: chi ottiene oggi una borsa post-lauream non sarà un medico specialista (o generalista) prima del 2022, addirittura 2024 per le specializzazioni quinquennali. L’orizzonte per i nuovi entrati a Medicina e Chirurgia è addirittura il 2029.

Pertanto, ogni decisione presa oggi deve avere un’ottica di medio-lungo termine. Come accennato, quest’anno avremo presumibilmente oltre 10mila fra borse di specializzazione e contratti di formazione per la Medicina Generale, un valore superiore a quello degli ultimi anni ma, facendo riferimento alle stime di ANAAO-ASSOMED sui pensionamenti e le uscite verso il privato dal SSN nel prossimo futuro, comunque insufficienti a far fronte alle esigenze del SSN nei prossimi anni; al contrario, attualmente ci sono oltre 11.500 posti per l’accesso a Medicina e Chirurgia, che non sono necessariamente troppi – perché oltre ai pensionamenti, che saranno relativamente pochi, vanno valutati anche altri fattori, quali l’invecchiamento della popolazione, che potrebbero portare ad una maggiore richiesta di servizi sanitari – ma sono certamente troppi se non sono accompagnati, in prospettiva, da un congruo numero di borse post-lauream e, più in generale, se all’uscita rischiano di trovare un “ingorgo” di diecimila altri “camici grigi”.

Riassumendo: formiamo troppi pochi medici specialisti o generalisti con un orizzonte a 3-5 anni, e non perché manchino medici ma perché mancano le risorse per specializzarli; al contrario, formiamo forse troppi medici con un orizzonte a 10-12 anni. Appare quindi opportuno utilizzare le risorse disponibili per “invertire l’imbuto”, piuttosto che per allargare ulteriormente l’accesso a Medicina e Chirurgia.

Fatto salvo il 2020/21, per il quale è previsto un numero eccezionalmente alto di laureati e sarà quindi sostanzialmente impossibile evitare che il numero di “camici grigi” cresca notevolmente, la quantità di borse post-lauream dovrebbe essere per alcuni anni nettamente superiore al numero di neolaureati, oltre che essere ovviamente concentrate in quelle specialità in cui si prevede una maggiore necessità.

Così facendo, si fronteggerebbe la mole di uscite dal SSN e si avrebbe una progressiva riduzione nel numero di “camici grigi”, mentre ora, come riportato nella Tavola 1, rischiamo di trovarci fra 6-7 anni in una situazione addirittura peggiore di quella attuale.

Chi ha fatto 90 al test di Medicina?

Breaking News – December 12, 2022

Legge di bilancio: settimana decisiva, il dimensionamento resterà, per la scuola non è previsto molto Reddito di cittadinanza, Valditara: “Vorrei mandare a scuola chi fra i 18 e i 29 anni non studia e non lavora, ben 360mila giovani” Mini naja da 40 giorni, darà punti per la maturità o un esame all’Università: ddl La Russa per imparare il senso civico fa discutere Caro voli: stangata per molti docenti fuori sede. Mille euro per un Palermo-Roma, la Regione Sicilia ricorre all’Antitrust

Studenti impegnati in una prova d’esame Marco Zenari è lo studente che ha fatto registrare il punteggio più alto al test d’ingresso alla facoltà di Medicina di quest’anno: 90 su 90, senza nemmeno un errore. La Repubblica ha raggiunto il 19enne, fresco di maturità, per capire quale fosse il segreto dietro questo brillante risultato.

Chi passa il test di Medicina?

Qual è l’ identikit dello studente che supera il test di ammissione a Medicina ? A meno di tre mesi dalle nuove prove – quest’anno anticipate, non senza polemiche, ad Aprile – a dipingere il ritratto dell’immatricolato-tipo è un’indagine Doxa-Alpha Test,

E, un po’ a sorpresa, si scopre che a farcela non sono (solo) figli di medici, ma diciannovenni appena usciti dal liceo che hanno affrontato l’esame con una preparazione specifica, tra corsi ed esercizi. Accomunati tutti da una caratteristica specifica: una forte motivazione. L’ identikit dello studente tipo di Medicina che emerge dall’indagine condotta da Doxa e Alpha Test è quello di una ragazza ex-liceale, con un voto di maturità superiore a 80/100, che ha frequentato un corso specifico per la preparazione alla prova o ha studiato su testi appositi.

I dati raccolti dicono, infatti, che il 94 per cento di coloro che hanno successo nel test di ammissione è uscito da un liceo : in generale, 68 immatricolati su 100 provengono da un liceo scientifico, mentre 26 su 100 da un liceo classico. Insomma, a contare, e non poco, sono anche le domande di logica e cultura generale, oltre a quelle di biologia, chimica e fisica.

  1. Come detto, tra le matricole vincono le donne : 51 ammessi su 100 sono esponenti del gentil sesso.
  2. Tuttavia, soltanto 31 immatricolati su 100 sono figli di professionisti in campo medico, al contrario di quanto vuole il luogo comune.
  3. Il voto di maturità ? Per 81 studenti ammessi a Medicina su 100 è superiore a 80 centesimi.

E per 47 su 100 è maggiore a 91. Ma un alto rendimento scolastico sembra non bastare: 1 studente su 4 supera il test di ingresso al secondo o perfino al terzo tentativo. Il tratto che accomuna gli studenti che superano il test di ammissione a Medicina? Secondo Doxa e Alpha Test è la motivazione,

  1. Che porta, spesso, a una preparazione specifica : quasi la totalità degli immatricolati – 97 su 100 -, infatti, racconta di aver frequentato corsi per la preparazione dell’esame (37 per cento), di aver studiato su libri specifici (84 per cento) e/o di essersi esercitato online (35 per cento).
  2. Insomma, secondo quanto emerge dall’ identikit, gli aspiranti medici devono rimboccarsi le maniche.

A maggior ragione quest’anno, considerando che l’appuntamento con il test di ammissione è fissato per l’ 8 Aprile e, oltre alle full immersion per prepararsi alla prova, ci sarà anche da studiare per compiti in classe e interrogazioni. E, non da ultimo, da iniziare a prepararsi per la maturità.

Quante persone hanno superato il test di Medicina 2022?

Test Medicina 2022, boom di bocciati: solo la metà dei candidati è risultata idonea Test Medicina 2022, boom di bocciati: dopo la pubblicazione dei punteggi anonimi è già possibile tirare le prime somme della prova di ammissione e solo la metà dei candidati ha ottenuto l’idoneità.

Test Medicina 2022, boom di bocciati: la metà degli aspiranti medici che hanno sostenuto la prova di ammissione a Medicina non ha raggiunto il punteggio minimo pari a 20, Dopo la pubblicazione dei nel corso della mattinata odierna da parte del ministero dell’Università si è potuto iniziare a tirare le somme.

Il risultato è che solo 28.793 partecipanti sono risultati idonei alla prova, vale a dire hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a 20, che rappresenta il limite minimo da ottenere per considerare il test superato. L’anno scorso erano stati 38.715 a fronte di 63.972 iscritti, di cui 55.117 presero realmente parte alla prova.

See also:  Obbligo Di Frequenza Università Come Funziona?

Quanti studenti di medicina abbandonano?

MIUR – Università COMUNICATO STAMPA

Una banca dati per l’orientamento degli studenti universitari. Il ministro Letizia Moratti: “Una svolta dell’Amministrazione”

Posti a sedere in aula, laboratori e biblioteche disponibili, tasso di abbandono durante gli studi, percentuali di laureati in corso e fuori corso, rapporto numerico docenti/studenti: sono alcuni dei dati disponibili per tutti da domani su, il sito del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario,

“Per la prima volta sono disponibili dati che erano chiusi nei forzieri dell’Amministrazione”, ha detto oggi il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Letizia Moratti, intervenuto a Roma, nella sala Marconi del Cnr, al seminario promosso dal Ministero su richiesta del Consiglio nazionale degli studenti universitari e in collaborazione con il Cnvsu.

“Anche attraverso questa iniziativa”, ha aggiunto il Ministro, “vogliamo porre gli studenti al centro della nostra attenzione, garantendo loro di poter esercitare il proprio diritto allo studio, all’arricchimento culturale e, di conseguenza, all’orientamento e all’esercizio professionale, per raggiungere un livello di realizzazione appagante per loro stessi, per le loro famiglie, per la società”.

So bene tuttavia”, ha sottolineato il ministro Moratti, “che per essere protagonisti è indispensabile essere bene informati, avere possibilità di intervento nei percorsi formativi, poter scegliere le diverse proposte formative in relazione alla propria personalità, possedere, insomma, tutti quegli elementi che consentano di partecipare consapevolmente ai vari livelli dei processi decisionali.

In questa direzione va la banca-dati del Cnvsu. A questo vasto quadro di informazioni del Comitato si aggiungerà tra breve la banca-dati dell’offerta formativa, che raccoglierà con informazioni tra loro omogenee e comparabili tutti i corsi attivati dagli atenei”.

Tra i dati consultabili su particolare rilievo hanno quelli relativi al tasso di abbandono: tra il primo e il secondo anno lascia gli studi universitari il 21,3% degli studenti, da un massimo di 31,7% della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali ad un minimo di 2,2% di Medicina e chirurgia.

Altro dato significativo è quello relativo ai laureati: raggiunge la laurea in corso soltanto l’8,7% dei laureati (con oscillazioni da un minino del 3,2% di Scienze politiche ad un massimo del 39,6% di Medicina e chirurgia). Complessivamente ben il 91,3% raggiunge la laurea fuori corso.

Illustrando le caratteristiche della banca-dati, il prof. Giuseppe De Rita, presidente del Cnvsu, ha spiegato che l’università è stata tra i primi comparti della pubblica amministrazione a dotarsi di un sistema di valutazione, grazie alla legge 537/93, che istituendo i Nuclei di valutazione degli atenei e l’Osservatorio per la valutazione del sistema universitario, ha gettato le basi per l’attuale sistema.

“Il decollo non è stato facile”, ha spiegato De Rita, “e sono stati necessari alcuni anni perché il sistema universitario recepisse la nuova normativa. Soltanto con la recente legge 370/99 il sistema di valutazione dell’università italiana ha raggiunto la sua attuale definizione, grazie al fatto che tale legge ha contribuito ad una migliore definizione di caratteristiche e funzioni dei due principali attori della valutazione universitaria: a livello locale i Nuclei e a livello centrale il Cnvsu.

Perché il test di medicina è difficile?

3. È difficile il test di medicina? – Sì, i test di medicina e veterinaria sono difficili, Si ritiene che quello per le professioni sanitarie sia meno complesso, ma la differenza è minima e talvolta può essere persino più difficile. Dato che dal 2023/24 la modalità di accesso cambia, non è possibile fare una comparazione con gli anni precedenti.

coprono un programma molto vasto, spesso non trattato alle superioririguardano materie scientifiche, tra cui chimica, fisica e matematicacomprendono anche quiz di cultura generale e ragionamentonecessitano la conoscenza di formuleincludono problemi da risolveregenerano stress e ansia

Inoltre, ogni anno al test di medicina partecipano migliaia di candidati, quasi il quintuplo dei posti disponibili. Pertanto, le probabilità di passare il test dipendono solo dal livello di preparazione e dalla capacità di gestire lo stress durante questo genere di esame.

Quante persone entrano al primo tentativo a medicina?

Alpha Test, ecco come sono le matricole di medicina Roma, 14 gennaio 2014 – Gli studenti di medicina? Provengono quasi tutti dai licei, soprattutto da quello scientifico, e solo il 18% sono “figli d’arte. Il profilo delle matricole della facoltà più gettonata e ostica è stata analizzata da Doxa per Alpha Test nel novembre 2013.

La rilevazione aiuta a capire chi sono i ragazzi che superano il test di Medicina, una delle prove di ammissione più difficili, visto che la professione medica è in cima alla lista dei desideri di moltissimi giovani italiani (più di 80mila candidati tentano di accedere ogni anno) e che quest’anno sarà in aprile per la prima volta.

Il campione di intervistati ha età media di 19 anni ed è rappresentativo delle matricole di Medicina di 5 atenei italiani (Milano Statale e Bicocca, Padova, Bologna e Bari), pari a circa il 16% del totalenazionale. LA SINTESI – Il quadro tracciato da Doxa è chiaro: gli studenti ammessi a Medicina provengono dai licei, non sono “figli d’arte” e un quarto di loro ha già tentato una volta l’ammissione.

Quasi tutti (97%) hanno svolto uno studio specifico per il test che va oltre la preparazione scolastica, utilizzando strumenti appositi: accanto ai libri e ai corsi, hanno svolto anche esercitazioni e simulazioni on line; hanno utilizzato mediamente più di uno strumento di preparazione. I dati (riportati sotto) consentono di concludere che la motivazione di questi studenti, l’impegno e il grado di consapevolezza con cui si sono preparati sono tra gli elementi che hanno consentito loro di superare la prova.

L’INDAGINE – Dall’indagine emerge anche che il 94% di chi ha superato il test viene dal liceo: 68% scientifico, 26% classico, percentuali ben superiori a quelle riferite agli immatricolati a tutte le facoltà (la prova di Medicina valuta le conoscenze scientifiche e le capacità logico-attitudinali).

  1. Gli studenti che entrano al primo tentativo sono il 73%, mentre il 27% ha già provato almeno una volta.
  2. Un altro dato può sorprendere: le professioni dei genitori sono le più varie e la percentuale dei “figli d’arte” è contenuta (i padri medici o dentisti sono il 18%, le madri il 13%).
  3. Il 97% degli ammessi si è preparato appositamente in vista del test, senza differenze di genere e di area geografica, mostrando una motivazione molto forte a studiare nonostante gli intervistati abbiano alti voti di maturità (81% superiore a 80/100).

STRUMENTI DI STUDIO – Gli strumenti di studio specifici a cui i ragazzi hanno fatto ricorso sono libri, corsi ed esercitazioni on line : mediamente ne hanno usati quasi 2. I libri sono l’ausilio più diffuso, scelto dall’84% degli intervistati (a Milano la diffusione è addirittura al 94%); i corsi, compresi quelli organizzati all’interno degli atenei, e le lezioni private si attestano sul 37% (con punte maggiori a Padova e Bari).Interessante la diffusione dello studio on line: oltre un terzo dei ragazzi (35%) fa ricorso a esercitazioni e simulazioni sul web, indice di un’attitudine “digitale” che è lecito aspettarsi in aumento nei prossimi anni.

Un settore con una leadership molto chiara. L’indagine Doxa ha indagato anche le dinamiche interne al settore: tra le varie proposte disponibili, l’84% degli ammessi a Medicina ha utilizzato almeno uno strumento proposto da Alpha Test. Nell’ambito dei libri e dei servizi di studio on line, la penetrazione di questo marchio è molto elevata: l’80% dei libri utilizzati sono manuali Alpha Test e chi ha svolto esercitazioni o simulazioni on line l’ha fatto nel 97% dei casi su contenuti forniti da Alpha Test (siti corporate e/o testate partner).

Il settore dei corsi risulta più frammentato sebbene la percentuale di coloro che scelgono un corso Alpha Test risulti essere comunque la più elevata (41%). Alti anche la qualità e il grado di consigliabilità registrato dagli strumenti Alpha Test: maggiore di 4 (scala 1-5) in tutte le linee di prodotto indagate (libri, corsi, on line).

STUDENTI MOTIVATI – Gli studenti ammessi a Medicina e Chirurgia si sono mostrati motivati e coscienti della difficoltà di passare uno dei test più selettivi per rapporto tra numero di candidati e posti disponibili e, nonostante una preparazione di partenza sopra la media, hanno ritenuto di doversi preparare appositamente.

Si muovono agevolmente tra gli strumenti disponibili sul mercato scegliendo principalmente i libri ma non disdegnano almeno un altro supporto, anche on line. Iscriviti alla community per ricevere ogni giorno la newsletter con le notizie dall’Italia e dal mondo : Alpha Test, ecco come sono le matricole di medicina

Quante volte si può ripetere il test di Medicina?

Quante volte si può provare il test di Medicina 2023? – Il Test di Medicina 2023 prevede fino a due tentativi per ciascun anno. Come anticipato, la selezione è aperta anche agli studenti di quarto superiore che avranno così a disposizione quattro tentativi per concorrere alla graduatoria di interesse, quella del 2024.

Quando verrà tolto il test di Medicina?

Test di medicina, dal prossimo anno le regole potrebbero cambiare Aria di cambiamento per i test di ingresso alle facoltà di medicina ma solo dal 2023: niente più quizzone, sostituito da un percorso di orientamento e valutazione. Ci si comincia a preparare dal quarto anno di superiori, ma la vera novità è il sistema di valutazione chiamato Tolc Test d’ingresso di medicina, dal 2023 potrebbero esserci nuove modalità di,

  • A decidere le sorti degli aspiranti medici non sarà più il quiz durante il concorso nazionale, bensì un “percorso di orientamento e valutazione” che avrà inizio dal quarto anno delle superiori.
  • A dirlo è la ministra dell’Università e della Ricerca, Cristina Messa, che tre mesi fa ha dato vita a una commissione costituita da docenti universitari con l’obiettivo di rivedere l’accesso al test: «Di fatto resta il numero programmato, ma gli studenti potranno dire addio al quiz.

Si tratterà piuttosto di un vero e proprio percorso che potrà cominciare già al quarto anno delle scuole superiori con corsi online gratuiti preparati dalle università e prove di autovalutazione. Ogni studente potrà “ripetere il test più volte per poi usare il punteggio migliore».

Qual’è l’università più prestigiosa d’Italia?

Università, la classifica dei migliori atenei italiani: Bologna in testa, poi Padova e La Sapienza Università Dove È Più Facile Entrare A Medicina L’Università di Bologna è la migliore tra gli atenei statali che superano i 40mila iscritti. La Bocconi si conferma al primo posto tra quelli non statali con più di 10mila iscritti, la Luiss tra quelli che non superano le 5mila immatricolazioni e la Libera Università di Bolzano guida invece le più piccole, con meno di 5mila studenti.

  • È quanto emerge dalla 22esima edizione della classifica Censis sulle università italiane.
  • L’Università di Bologna si conferma al primo posto per i mega atenei statali, totalizzando un punteggio di 89,8 punti.
  • Seguono, nell’ordine, l’Università di Padova (88 punti) e La Sapienza di Roma (86,5).
  • Quarto posto per l’Università di Pisa (85,2), che prende il posto di quella di Firenze, quest’anno quinta (82,7).

Ci sono poi l’Università Statale di Milano (82,7), l’Università di Palermo e l’Università di Torino, settime pari merito 80,8 punti. Chiudono la classifica dei mega atenei l’Università di Bari e la Federico II di Napoli. Nell’ambito dei grandi atenei pubblici (da 20mila a 40mila iscritti), dopo l’Università di Pavia (91 punti) troviamo quella di Perugia (90,8), l’Università della Calabria (90,3) e la Ca’ Foscari di Venezia (88,7).

  1. In classifica ci sono poi l’Università di Milano Bicocca (88,5), l’Università di Cagliari (87,8), l’Università di Parma (86,8), l’Università di Genova (85,7) e quella di Roma-Tor Vergata (85).
  2. Bocconi e Cattolica, entrambe a Milano, sono le migliori università private di grandi dimensioni,
  3. Tra le medie, dopo la Luiss di Roma, ci sono lo Iulm di Milano e la Lumsa di Roma.
See also:  Dove Si Paga Il Mav Università?

Per le più piccole, dopo Bolzano, ci sono l’Università di Roma Europea e la Liuc-Università Cattaneo. : Università, la classifica dei migliori atenei italiani: Bologna in testa, poi Padova e La Sapienza

Come laurearsi con 110 e lode in Medicina?

Normativa Punteggio di Laurea

  • Il voto di Laurea, espresso in centodecimi, risulta dalla valutazione dei seguenti parametri:
  • a) Media aritmetica dei voti conseguiti negli esami curriculari, espressa in centodecimi. La lode non rappresenta punteggio aggiuntivo;
  • b) Punti attribuiti per la regolarità nel percorso di studi:
  • 3 punti per gli studenti in corso;
  • 2 punti per il primo anno fuori corso anche intermedio (fuori corso maturato per il mancato passaggio di un blocco o ripetizione dell’anno per mancate frequenze)

c) Numero di lodi ottenute negli esami di profitto:

  • 1 punto, da 3 a 6 lodi
  • 2 punti, oltre 6 lodi

d) Partecipazione programmi di scambio internazionale riconosciuti dal corso di laurea:

  • 1 punto, da 3 a 7 mesi
  • 2 punti, da 8 a 12 mesi
  1. e) Un punto attribuito sulla base del punteggio ai Progress Test annuali
  2. f) Un punto attributo con delibera del CdL per le attività svolte dai rappresentanti degli studenti negli organi di ateneo;
  3. g) Punti attribuiti dalla commissione di laurea, fino ad un massimo di 11, in base al valore della tesi, chiarezza ed efficacia dell’esposizione e della discussione.
  4. La Lode può essere attribuita, col parere unanime della commissione, ai candidati con un punteggio complessivo maggiore di 113 e che abbiano comunque maturato una media aritmetica dei voti non inferiore a 27/30 (99/110),

: Normativa Punteggio di Laurea

Quante ore al giorno si studia a Medicina?

A Medicina si deve studiare 8 ore al giorno Università Dove È Più Facile Entrare A Medicina Una strada tutta in salita per chi, dopo lo stress dei test di ammissione, si può sentire a pieno titolo studente di Medicina (presso la sede di Napoli o di Caserta). Ai sei anni della durata del Corso di Laurea, si aggiungono altri quattro o cinque anni per la Scuola di Specializzazione.

Tempi lunghi dunque. Ma anche tanto impegno durante il percorso di studi che prevede il superamento di 40 esami per arrivare alla laurea. Ne consegue il suggerimento del Preside della Facoltà, prof. Giovanni Delrio, di considerare lo studio come un lavoro. Otto ore al giorno, fatte con serietà e organizzazione.

E’ questo il presupposto per riuscire bene negli studi, quella che il Preside, definisce “una norma elementare”. “A Medicina è necessario studiare almeno altre quattro ore, oltre alle lezioni seguite in aula. – afferma Delrio – Per sei giorni a settimana”.

  • Beh, dunque è vero che Medicina è un percorso di studi tra i più complessi? “No.
  • Il problema è che molti ragazzi si iscrivono pensando di essere ancora alle scuole superiori dove programmavano le interrogazioni, invece devono capire che bisogna cambiare il metodo di studi: occorre un impegno costante e quotidiano dove alle lezioni in aula si affiancano ore di studio individuali.

Fondamentalmente, frequentare i corsi e studiare. Non c’è nulla di più semplice”. Seguendo questi consigli, si riesce anche a sostenere i relativi esami al termine di ogni semestre. “Abbiamo predisposto quattro appelli d’esame nelle sessioni di gennaio-febbraio e giugno-luglio e altri due appelli nella sessione di settembre.

  1. Studiando con serietà e impegno, si sostengono gli esami più le verifiche previste ogni anno”.
  2. Sembra, dunque, che si basi tutto su una questione di organizzazione, visto che alla Sun c’è un’alta percentuale (oscilla tra il 65% e il 70%) di studenti che si laurea nei tempi stabiliti e con voti molto alti, pur svolgendo altre attività (dallo sport alla musica).

Sempre più, poi, sono le donne che scelgono di studiare Medicina. “Le donne sono più determinate e decise nel raggiungimento dei loro obiettivi”. Il primo anno, magari, sarà un po’ di adattamento ad un nuovo ambiente, ma “questi – conclude Delrio – sono problemi comuni a tutte le Facoltà.

Qual è la facoltà più difficile?

I parametri e i criteri utilizzati per identificare la difficoltà – Secondo i dati di uno studio di un’università britannica esistono alcuni fattori che permettono di individuare la difficoltà di un percorso di studi universitario; eccoli di seguito:

  • Percentuale di voti bassi
  • Tasso di superamento degli esami
  • Media dei voti
  • Percentuale di studenti fuori-corso

Pur essendo un’indagine che non prende in considerazione il nostro Paese si tratta comunque di un’analisi che rispecchia in parte la situazione italiana, dove l e lauree più difficili registrano percentuali di fuori corso piuttosto alte che vanno dal 60% fino a superare l’80%.

  1. Anche Almalaurea conferma quanto fin qui detto.
  2. I dati raccolti per effettuare le statistiche sui percorsi universitari confermano che la difficoltà di un indirizzo di studi è determinata in gran parte dalla percentuale di studenti in corso e fuori corso.
  3. I dati raccolti rivelano una realtà nota a tutti, ossia che Giurisprudenza è la facoltà più difficile in assoluto; questo perché l’82% degli studenti si laurea fuori corso.

Nella classifica dei corsi di laurea più difficili, secondo le percentuali della stessa Almalaurea, quello in medicina si attesterebbe addirittura tra i più facili. A sorpresa solo il 18,5 dei laureati risulta fuori-corso. Chiaramente l’affermazione, in questo caso, è fortemente contestabile.

Quanto costa test di ingresso Medicina?

Test ingresso Medicina 2021: quanto costa? – Come ogni anno, per perfezionare l’iscrizione al test d’ingresso di Medicina e Chirurgia, è richiesto il pagamento di un contributo entro il 2 agosto. E, se negli scorsi anni questo contributo variava da ateneo ad ateneo, già dal 2020 in seguito alla pandemia di Covid che ha costretto una diversa organizzazione logistica anche dei test d’ingresso universitari, questo costo si è pressoché uniformato in quasi tutta Italia,

La somma richiesta dalla gran parte degli atenei pubblici anche quest’anno ammonta a 100,00 euro per poter partecipare al test d’ingresso 2021, Unica eccezione l’Università di Torino che ha scelto di chiederne la metà, 50,00 euro in totale, Altre eccezioni sono poi formate dagli atenei privati: l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha deciso di porre 160,00 euro per l’accesso al test, l’Università Vita-Salute San Raffaele Milano ne chiede invece 200,00 di euro, e infine, l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha richiesto 170,00 euro per l’accesso al test 2021.

Ecco la lista completa dei bandi.

Università degli Studi di Bari – Aldo Moro Università degli Studi della Basilicata Università di Bologna Università degli Studi di Brescia Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Napoli – Luigi Vanvitelli Università degli Studi di Catania Università degli studi di Catanzaro Università Cattolica del Sacro Cuore Università degli Studi Chieti-Pescara – G. D’Annunzio Università della Calabria Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Firenze Università di Foggia Università di Genova Università degli Studi dell’Insubria Università degli Studi dell’Aquila Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Milano Università degli Studi Milano – Bicocca Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi del Molise Università degli Studi di Napoli – Federico II Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Parma Università di Pavia Università degli Studi di Perugia Università del Piemonte Orientale Università di Pisa Università Politecnica delle Marche Università degli Studi di Roma – La Sapienza Università degli Studi di Roma – Tor Vergata Università Vita-Salute – San Raffaele Milano Università del Salento Università di Salerno Università degli Studi di Sassari (in aggiornamento) Università di Siena Università degli Studi di Torino Università di Trento Università degli Studi di Trieste Università degli Studi di Udine Università degli Studi di Enna – Kore Università Unicamillus (in aggiornamento) Università Campus Bio-Medico – Roma Università di Verona

Quanto costa il test d’ingresso a Medicina?

5. Paga il contributo per il test. Fai il versamento del contributo di partecipazione al test di medicina entro il termine indicato nel bando pubblicato dal tuo ateneo. Il contributo dovrebbe essere pari a 100 euro.

Quanti posti per il test di Medicina?

Test di Medicina 2022, bocciato 1 su 2 – Non si tratta ancora dei dati del Mur (che riporteremo non appena disponibili), ma di calcoli effettuati da siti specializzati sulla base dei risultati anonimi pubblicati oggi su Universitaly, Il numero di studenti che avrebbe preso parte materialmente al test corrisponde a 56.775.

  • Di cui solamente 28.793 sarebbero risultati idonei, quindi poco più del 50%.
  • Lo scorso anno andò decisamente meglio, con una quota di idonei di circa 10mila unità in più.
  • Partendo da questi presupposti, per chi ha superato i 20 punti-limite, la probabilità di riuscire a strappare un posto, quindi, si alza notevolmente.

Il totale dei posti disponibili per frequentare il corso di laurea in Medicina è, quest’anno, di 14.740. A questi, però, vanno tolti i posti destinati ai corsi in inglese e a quelli delle università private. Il numero esatto per quanto riguarda le università statali, per i quali i candidati hanno concorso lo scorso 6 settembre durante il test nazionale, corrisponde quindi a 13.152,

Da quando c’è test Ingresso Medicina?

Test d’ammissione a medicina: quando e perché è nato? Ogni anno, come da copione, il test d’ammissione alle facoltà di Medicina e Odontoiatria, e l’aura di mistero che lo circonda, è l’argomento che più tiene banco fra i liceali, intenzionati ad intraprendere il cammino per diventare medici.

  1. Ma da dove nasce l’idea del numero chiuso per queste facoltà e per molte altre? Ecco un po’ di storia (in fondo potrebbe sempre essere utile per le domande di cultura generale).
  2. La facoltà di Medicina era storicamente prerogativa dei ceti più elevati della popolazione: fino al 1923 potevano accedervi soltanto coloro che avevano frequentato il liceo classico, dopo quella data furono ammessi anche quelli dello scientifico.

Il grande passo fu fatto l’11 dicembre del 1969, quando l’ingresso alla facoltà venne garantito a tutti i possessori di un diploma di maturità, Tuttavia l’accesso libero aveva provocato, negli anni, un aumento spropositato del numero di medici rispetto alla richiesta effettiva di personale.

  • La situazione cambiò nella seconda metà degli anni ’80, quando l’Unione Europea pose l’accento sulla necessità di assicurare, in tutti i paesi membri, un certo standard qualitativo dell’istruzione universitaria.
  • La risposta spontanea di alcuni atenei alle direttive europee fu proprio l’introduzione di un test d’ingresso e, quindi, del numero chiuso, tramite decreti rettoriali.

Infatti, troppi studenti iscritti alla stessa facoltà non garantivano che i laureati trovassero facilmente un posto di lavoro e ciò abbassava le statistiche riguardanti la qualità della formazione offerta dagli atenei italiani. La prima decisione ufficiale si ebbe nel 1987, quando venne introdotto il decreto ministeriale elaborato dal ministro Ortensio Zecchino,

Esso sanciva l’ introduzione del numero chiuso per buona parte delle facoltà a carattere scientifico (ma anche per altre, ad esempio architettura), in relazione alla capacità delle strutture di ospitare gli studenti, alla disponibilità dei professori e alla possibilità di svolgere laboratori e lezioni didattiche a piccoli gruppi.

Il decreto divenne legge il 2 agosto del ’99, dopo gli iniziali dubbi sulla sua costituzionalità. Da allora il test ha subito una serie di cambiamenti, ma non è mai stato abolito. Anche quest’anno è un gran parlare delle modifiche al test, che sembrano inevitabili, ma non si parla di togliere il numero chiuso: perciò, il lupo potrà pure perdere il pelo, ma non il vizio.